• Register

Con i piedi per terra

Tre punti avrebbero garantito ai biancoverdi altro vantaggio sulle inseguitrici, che sabato si sono affrontate nello scontro diretto in cui il Fossano ha superato di misura l'Astense.
Ma da Grugliasco, i ragazzi di mister Cavagliato sono tornati a bocca asciutta, con quattro gol al passivo e una prestazione da dimenticare velocemente per proseguire il campionato in vetta alla classifica (due punti sulle seconde). «Un bagno d'umiltà», come lo definisce l'allenatore a fine gara, che i giocatori di Cavallermaggiore hanno dovuto (loro malgrado) affrontare, contro una formazione apparsa agguerrita fin dai primi minuti e capace di far pesare il fattore campo.
Un primo tempo equilibrato, giocato con grande intensità, dove i galletti riescono a gestire bene le incursioni dei padroni di casa e in più occasioni si trovano a tu per tu con il portiere, ma manca la lucidità necessaria per andare a segno. Proprio come accade allo scadere della prima frazione, quando il Time Warp ha la possibilità di portarsi in vantaggio su tiro libero: il mister manda in campo Bignante (rientrato dopo mesi di stop in seguito a un'operazione), ma l'estremo difensore neutralizza la staffilata.
Nel secondo tempo, è il Top Five ad andare a segno. Il Time Warp è bravo a riacciuffare il pareggio, ma ancora i padroni di casa si portano avanti e la parità temporanea riconquistata (2-2), con i gol di Minchillo e Seminara) non dura fino allo scadere (4-2), forse anche per i tanti errori commessi con il portiere in movimento, strategia che Cavagliato prova negli ultimi minuti per mettere in carreggiata il match. «Non nascondo un po' d'amarezza – dice il mister –, ma abbiamo affrontato una squadra davvero in forma, come dimostrano anche i loro recenti risultati. Torniamo a casa sapendo di dover ancora migliorare, anche sotto il profilo del carattere in campo: prendiamo la sconfitta come una lezione dalla quale imparare». Prossima gara, in casa, contro l'Asa Eventi.

Vetta solitaria

La battuta d'arresto del Fossano (che cade in trasferta contro lo Sportiamo) trasforma la battaglia per il primo posto in una sfida a due: da una parte l'Astense (ritenuta ad inizio campionato tra le favorite), dall'altra il Cavallermaggiore. Messi in cascina altri tre punti, il Time Warp ora guida la classifica con due lunghezze di vantaggio sulla diretta inseguitrice e cinque sulla società del presidente Rocca. Una continuità di risultati che consente ai biancoverdi di guadare con ottimismo alle prossime sfide, che si preannunciano più agguerrite di quella andata in scena sabato scorso al Pala San Giorgio di Cavallermaggiore.
Contro un avversario rinunciatario, che si presenta all'appuntamento con gli uomini contati, e che non crea troppe preoccupazioni alla formazione di capitan Seminara. A pochi minuti dal fischio d'inizio, i padroni di casa si trovano già in vantaggio di quattro lunghezze. La pratica Rosta viene liquidata velocemente e, alla fine della partita, i gol biancoverdi sono otto (due le marcature di Cossotti, Seminara e Minchillo, una di Portera e Cucinotta), mentre gli avversarsi riescono ad infilzare l'estremo difensore soltanto una volta.
«Una gara a senso unico, dove i ragazzi hanno comunque onorato la maglia, giocando con intensità per tutta la durata del match – commenta a fine gara il mister Massimo Cavagliato –. L'avversario più ostico, in questi casi, è la concentrazione: riuscire a mantenere il ritmo alto, nonostante il divario in campo. Sono soddisfatto della prestazione di tutti i ragazzi, specie dei giovani che hanno assaggiato per la prima volta il palcoscenico della C1».
Il mister, infatti, ha potuto testare tutti i giocatori a sua disposizione, amalgamando le giovani leve con i "senatori" del gruppo.
Prossima gara, in trasferta, contro l'agguerrito Top Five alla caccia di punti per rientrare nella corsa play off.

Il derby è biancoverde

Non sono partite come le altre. I derby sono una storia a se stante, dove le distanze in classifica si annullano e le squadre scendono in campo come se si stesse disputando la finale della coppa del mondo. Così è stato, al Palazzetto di Cavallermaggiore, quando il Time Warp ha affrontato per la prima volta stagionale i cugini del Futsal Savigliano: splendida cornice di pubblico, che ha trascinato con il proprio tifo i giocatori per tutta la durata dell'incontro.
Con nella memoria ancora la disfatta dell'ultimo match tra le due formazioni (perso con nove gol di differenza), il Futsal dimostra subito di voler vendicare la sconfitta, replicando la gara d'andata dello scorso campionato, che vide i saviglianesi vincere di misura al Palagiolitti.
Ma è il Time Warp, con il capitano Marco Ferrante (Seminara ancora ai box per infortunio), a sbloccare la partita con un bel gol su azione: i biancoverdi sono padroni della prima frazione del match, dimostrando le qualità corali della squadra con veloci scambi e manovre orchestrate che valgono anche il secondo gol targato Di Muro, tra i giocatori più in forma dei padroni di casa.
Ma la distrazione è dietro l'angolo, così il solito Granata (perno del gioco degli ospiti), riesce a beffare Fabbri con un gran gol di tacco.
Cambia qualcosa nel secondo tempo. Forse un po' di stanchezza tra i biancoverdi (che continuano nella loro impostazione di gioco con pressione a tutto campo), forse lo scatto d'orgoglio del Futsal, ma tant'è che quando mancano pochi minuti al fischio finale il risultato è ancora in bilico: 3-3, arrivato dopo un gol di Cucinotta e due marcature degli ospiti (una su calcio di punizione fischiato da posizione molto ravvicinata). Serve un guizzo di Cucinotta a mettere la parola fine alla gara, facendo scoppiare gli spalti, dopo un'occasione sprecata da Minchillo su tiro libero (fuori).
«Il pareggio non sarebbe stato ingiusto – commenta a fine gara mister Cavagliato –. Abbiamo retto bene la pressione che inevitabilmente si crea durante un derby. Gli avversari ci hanno dato del filo da torcere, ma abbiamo saputo dimostrare il nostro valore».
Ora il campionato si ferma. Riprenderà il 23 gennaio.

Riacciuffata la vetta

Ricomincia com'era finito. Il Time Warp Cavallermaggiore apre il girone di ritorno conquistando tre punti pesanti sul difficile campo dei Bassotti, già battuti sul campo nella partita d'andata (il verdetto venne poi ribaltato dal giudice sportivo per aver schierato un giocatore biancoverde squalificato). Una vittoria rotonda, senza possibilità d'appello, che proietta i ragazzi di mister Cavagliato in vetta alla classifica del massimo campionato regionale, grazie anche al mezzo passo falso dell'Astense (fermata sul pari in trasferta) e alla battuta d'arresto del Fossano (sconfitto in casa dall'Emmeffe). Tre punti che arrivano nonostante l'infermeria sempre più piena e la panchina sempre più corta: le giovani promesse chiamate in prima squadra non fanno rimpiangere i seniores "acciaccati", lasciando intendere di voler conquistare con merito una maglia da titolare nelle prossime gare.
«Ho visto un gruppo compatto, affiatato e determinato – commenta a fine gara il patron dei galletti, Yoram Anrico –. Anche se il mister non può disporre di tutti i giocatori (fuori Di Muro, Bignante), la squadra esprime un gioco fluido, divertente e incisivo. Sono contento dell'impegno che ogni giocatore mette in campo: si gioca per la squadra, qualche volta forse con troppa leziosità, ma il risultato rispecchia quanto visto in campo».
Un risultato più consono a una partita di tennis, che a una di calcio a cinque, a cui si arriva grazie alle due marcature di Ferrante, a quella di Seminara (rientrato dopo l'infortunio) e di Minchillo (pregevole colpo di testa). A queste si somma la tripletta di Cossotti, in forma strepitosa, e del "nuovo" Delija, ex capocannoniere dello scorso campionato, tornato a vestire la maglia biancoverde dopo alcuni mesi di "pausa". Poco da aggiungere alla cronaca della partita, che ha visto il Cavallermaggiore premere sull'acceleratore per tutta gara, concedendosi anche di sperimentare qualche nuovo schema provato in allenamento.
«Sono particolarmente felice per Cossotti – aggiunge Anrico –: il mister gli ha dato fiducia e lui lo ha ripagato con una prestazione sopra le righe. È un ragazzo giovane, con ottime capacità, che è entrato nei meccanismi della squadra e sono certo che sarà determinante per il prosieguo del campionato».
Prossimo appuntamento, sabato in casa contro lo Sporting Rosta che naviga nella parte bassa della classifica.

Non riesce l'impresa

Al Cavallermaggiore non riesce l'impresa: sul difficile campo dell'Astense s'interrompe la striscia positiva di otto vittorie consecutive. Contro i padroni di casa (favoriti per la vittoria finale del campionato), il Time Warp combatte fino all'ultimo, memore del pareggio conquistato sul medesimo campo in Coppa. Un simile risultato avrebbe consentito agli uomini di mister Cavagliato di restare in testa alla classifica, a pari punti con il Rhibo Fossano (davanti in virtù dello scontro diretto). Un risultato che per buona parte del primo tempo è sembrato alla portata dei biancoverdi, che soltanto all'ultimo minuto prima dell'intervallo si lasciano superare (2-1) per poi restare sempre sotto.
Assenze pesanti in casa Time Warp (ancora out Seminara, Di Muro, Bignante), ma sostituite egregiamente dai giovani chiamati in campo a dare il proprio contributo. Ennesima dimostrazione della strategia del mister, convinto del potenziale del gruppo piuttosto che dei singoli giocatori.
Per tutti i sessanta minuti, il Cavallermaggiore resiste e contrattacca gli assalti dei padroni di casa, che dalla loro hanno un tasso tecnico superiore e la conoscenza del campo (decisamente più grande rispetto a quello in cui gli uomini di Cavagliato sono soliti giocare). In ogni caso, i biancoverdi resistono e si fanno minacciosi, arrivando a segnare prima con Pagliero e poi, nel secondo tempo, con Panella. Nulla però può la retroguardia sulle incursioni avversarie, che per quattro volte si concretizzano in una rete (finale 4-2).
«Non dobbiamo pensare al risultato finale ma alla prestazione complessiva – dice a fine gara il patron dei galletti, Yoram Anrico –. Contro un avversario ostico come l'Astense, non ci siamo comunque snaturati, continuando a giocare secondo i nostri schemi. Sono particolarmente contento, inoltre, del contributo che i giovani hanno portato fuori e dentro il campo: ben 9 giocatori in rosa avevano meno di 25 anni e in poche occasioni si sono cimentati a questi livelli. Un buona scuola».
Prossimo appuntamento, sabato in casa (ore 15) nel derby contro il Futsal Savigliano.

 

Formazione: Fabbri, Portera, Pagliero, Cucinotta, Ferrante, Caula, Bravo, Cossotti, Eandi, Minchillo, Panella, Berteina

Marcatori: Pagliero, Portera

Classifica

Team
Points
1 L 84 25
2 Saints Pagnano 23
3 Real Cornaredo 22
4 Videoton Crema 19
5 Città di Asti 15
6 Lecco 14
7 Domus Bresso 14
8 Aosta 10
9 Time Warp 9
10 Elledi Carmagnola 8
11 Rhibo Fossano 6
12 Bergamo La Torre 3

Menu principale

Sponsor